Telefono

02 7628 1174

Lun - Mer / Ven: 9.30 - 19:30

Gio: 15.00 - 19.30

Insonnia: cosa fare se si soffre di insonnia?

Insonnia: cosa fare se si soffre di insonnia?

Insonnia: che cos’è e come si cura?

Che cos’è?

Si tratta di uno dei disturbi del sonno più frequenti ed invalidanti in assoluto: stiamo parlando dell’insonnia. Questa patologia molto comune è rappresentata dall’incapacità di prendere sonno nonostante la sensazione fisica e psicologica sia quella di averne necessità e negli orari che rispettano i nostri ritmi biologici.

Come si presenta l’insonnia?

Risulta abbastanza facile riconoscere almeno alcuni dei sintomi che l’insonnia porta purtroppo in dote. Non si tratta di un problema vincolato esclusivamente alla notte, ma presuppone invece ripercussioni anche di notevole entità sulla normale giornata. Chi soffre di insonnia tenderà ad avere difficoltà ad addormentarsi, o si sveglierà diverse volte durante la notte oppure si risveglierà presto al mattino o in alcuni casi può avere una o più caratteristiche dell’insonnia insieme e andrà incontro ad un riposo breve e sregolato, di fatto di cattiva qualità. Durante il giorno questi episodi si tramutano in stanchezza, depressione, ansia, problemi di metabolismo, disturbi della memoria e una persistente sensazione di sonnolenza e debolezza diffusa. A seconda del modo e del decorso con cui l’insonnia si manifesta andremo a riconoscere tipologie differenti di questo problema, individuando in particolar modo due diverse forme: un’insonnia episodica/situazionale, quindi transitoria e un’insonnia decisamente più pericolosa definita come cronica o persistente.

I motivi che portano a soffrire di insonnia

Possono essere molteplici le cause che conducono ad una forma più o meno cronica di insonnia. Certamente influenti sono le concause di tipo psicologico, quali stress, depressione e ansia. Oltre alle cattive abitudini di igiene del sonno, alcuni aspetti fisici come dolori muscolari intensi o malattie neurologiche possono indurre questa patologia, come ad esempio la sindrome delle gambe senza riposo. Inoltre, l’insonnia può essere associata anche a malattie internistiche e, in generale, occorre prestare grande attenzione all’utilizzo di farmaci che potrebbero, come effetto collaterale, scatenare insonnia e in generale disturbi del sonno.

Come curare l’insonnia

Al di là dei fattori scatenanti, aspetto di primaria importanza per affrontare nella giusta maniera e in modo puntuale l’insorgere dell’insonnia è il corretto e tempestivo riconoscimento di questa patologia. Occorre per prima cosa individuare il motivo scatenante e cercare di porvi immediato rimedio. Essenziale in tal senso è il consulto e la visita con un medico di medicina del sonno. Proprio uno specialista può infatti valutare globalmente e correttamente l’intero quadro fisiologico e comprendere come intervenire al meglio, sia dal punto di vista farmacologico, ma non solo. La regolarizzazione dei ritmi, l’igiene del sonno e nella forma cronica la terapia psicologica, cognitivo-comportamentale, possono essere tutte misure utili per migliorare la qualità e la durata del sonno.

Scopri ora i nostri medici specialisti in Medicina del Sonno:

Dott. Marco Zucconi
Dott. Alessandro Oldani
Dott.ssa Francesca Casoni

Prenota ora una Visita

Scrivi un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Aggiungi un Commento *

Name *

Email *

Website